I forti dell’Oman

Viaggiando nell’Oman anche il visitatore meno incline all’osservazione non potrà fare a meno di notare il gran numero di forti e di castelli disseminati in ogni parte del paese e, una volta risvegliato il suo interesse per gli avvenimenti del passato, si accorgerà che sulla cima di quasi ogni collina o cucuzzolo si erge un forte o una torre di guardia.

Forte NakhalÈ molto significativo il fatto che, in un momento in cui il paese aveva problemi ben più seri di cui preoccuparsi, il ministero della Cultura Nazionale e del Patrimonio Storico abbia deciso di investire consistenti somme di denaro in un importante progetto di restauro dei forti.

Le fortezze -che si tratti di una semplice cinta muraria o di una costruzione grandiosa come il forte di Nakhal– vantano in alcuni casi una storia più lunga di quella nazionale.

Forte RustaqAlcuni, come il forte di Rustaq, risalgono in parte addirittura all’epoca preislamica.

Eretti dalle tribù locali per proteggere le vie del commercio o, come il forte di Barka, per contrastare gli assalti di pirati provenienti dal mare, hanno giocato un ruolo fondamentale nella nascita della nazione.

Sebbene nell’Oman vivano sempre meno costruttori di forti (i progetti di restauro sono stati in gran parte affidati a professionisti stranieri), il bisogno di salvaguardare queste testimonianze per la posterità è sempre molto sentito.

Forte BahlaPer farsi un’idea dell’importanza attribuita in Oman a questa questione si prenda, tanto per fare un esempio, l’attuale progetto riguardante il forte di Bahla, dichiarato dall’UlNESCO Patrimonio dell’Umanità: è la quarta volta che questo edificio viene restaurato, dopo le opere di consolidamento eseguite nel corso del IX, del XVII e del XIX secolo.

MA CHE COS’È IN REALTÀ UN FORTE?

Una struttura militare destinata, come l’imponente forte di Al-Hazm, a proteggere una determinata comunità.

Forte Bait Na'amanUn castello come il Bait Na’aman di Barka è invece una grande residenza privata protetta da una cinta di mura.

In quanto tale, un forte rappresenta quindi l’orgoglio della nazione, il simbolo dell’indipendenza e dell’interdipendenza di un popolo, in altre parole quel qualcosa che i portoghesi non capirono quando conquistarono Muscat con i forti di Mirani, Al-Jalali e Mutrah, ma non seppero soggiogare lo spirito dei loro abitanti.

Forte Al-HamoodaGuardando il piccolo e meravigliosamente restaurato forte Al-Hamooda di Ayjah, un villaggio che vive ancora quasi del tutto nel passato, sarebbe facile concludere che l’Oman guarda più al passato che al futuro. Tuttavia, osservando il paese con maggiore attenzione, non tarderete ad accorgervi che le fermate degli autobus, i telefoni pubblici e i nuovissimi edifici dei ministeri di Muscat sembrano tutti richiamare qualche aspetto caratteristico dell’architettura dei forti e a comprendere come il forte sia stato reinventato in chiave moderna.

Pensando in che modo gli altri paesi della regione hanno cancellato il loro passato, si capisce immediatamente come questa espressione di rispetto verso la continuità tra la storia e il patrimonio che da essa deriva sia uno degli elementi che rendono l’Oman un paese unico al mondo.