I bagni termali di Budapest (Ungheria): istruzioni per l’uso

Bagni GellértBudapest si trova sulla faglia tettonica che separa le colline di Buda dalla Grande Pianura dove sorge Pest; ogni giorno 3000 metri cubi  d’acqua minerale da tiepida a molto calda (da 21 a 76° C) sgorgano dalle oltre 100 sorgenti termali presenti sul suo territorio. Ciò fa della città un centro termale di grande importanza, tanto che fare il bagno in uno dei suoi numerosi stabilimenti o complessi con piscine è considerato un’esperienza squisitamente locale.

Bagni KirályI bagni termali non dispongono solo di piscine con acqua a diverse temperature per fare il bagno, ma anche di saune e di bagni a vapore dove potrete sudare le proverbiali sette camicie e, nei centri più grandi, le offerte di massaggi e di trattamenti per il corpo si pongono sullo stesso livello di quelli proposti da qualsiasi struttura analoga dell’Europa occidentale.

Bagni RácSebbene i prezzi si differenzino notevolmente, in linea generale per entrare in un complesso termale si deve acquistare un biglietto valido per almeno quattro ore (da 1400 a 3000 Fiorini ungheresi). Gli scivoli, i parchi acquatici e le altre “piscine avventurose” devono essere pagati a parte; nella maggior parte dei casi, dopo le 16 l’ingresso costa di meno.

Bagni RudasNel prezzo è compreso anche il deposito degli abiti, di solito in appositi armadietti. I centri più recenti e innovativi forniscono ai loro clienti tessere magnetiche od orologi elettronici resistenti all’acqua che permettono di accedere ai diversi servizi, aprono la cabina assegnata, registrano le bibite che si ordinano al bar e al momento dell’uscita segnalano all’addetto se dovete pagare qualche supplemento (per esempio per essere rimasti più a lungo o per essere entrati nella zona degli scivoli) o se avete diritto a un rimborso (per esempio per essere rimasti meno del previsto).

Bagni SzéchenyiNei centri più tradizionali si cerca invece un armadietto, ci si cambia nelle vicinanze e si chiama l’impiegato, che chiuderà la porta e vi darà un cartellino numerato. Tenete presente che, per evitare furti, il numero del cartellino non è sempre lo stesso di quello dell’armadietto.

Nei bagni termali di minori dimensioni gli impiegati non sono sempre in grado di esprimersi in inglese, tuttavia con un sorriso, un accenno ai vestiti e una scrollata di spalle non farete troppa fatica a trovare qualcuno capace di aiutarvi a capire il sistema.

Non dimenticate di portarvi dietro l’asciugamano!