Marocco, la cultura del caffè

Un caffè di MarrakechOgni villaggio marocchino ha almeno un caffè, mentre le città marocchine sembrano avere più caffè che abitanti.

Ispirati ai grand café francesi, i caffè sono i luoghi dove gli uomini iniziano e concludono la giornata, leggono il giornale, sorseggiano un café au lait o un café normal, fanno uno spuntino con paste squisite e fumano.

Il caffè in MaroccoNelle città più grandi oggi sono sempre di più i caffè che accolgono anche le donne, così come sta diventando sempre meno straordinario vedere delle donne da sole o che fumano.

Quando vi recate in un caffè con amici marocchini di entrambi i sessi, ricordatevi di non tirare fuori il portafoglio. È dovere dell’anfitrione pagare per i propri ospiti e alcuni marocchini insisteranno che, anche se siete stati voi a invitarli, siete comunque loro ospiti. Sarebbe scortese insistere a voler pagare e ancora più scortese cercare di far scivolare di soppiatto il denaro in mano al cameriere. Il caffè costa poco: è meglio sorridere e dire “shukran” (grazie)!

Birra Flag SpécialePoiché l’alcol è proibito dall’Islam, lo si beve di nascosto. Ciò detto, le città pullulano di bar e non si deve fare altro che cercare il logo della birra Flag Spéciale o Stork al di sopra di una porta senza vetri.

Questi bar piuttosto squallidi sono frequentati solo da uomini e qualsiasi donna vi si trovi dentro è quasi certamente una prostituta.

Buona parte degli alberghi possiede bar gradevoli dove possono bere alcolici sia gli stranieri che i marocchini.

Nelle città gli alcolici si trovano nei supermercati e nei negozi più piccoli.