La fascinosa Buenos Aires (Argentina)

Buenos AiresBuenos Aires - La BocaLa città di Buenos Aires è oggi permeata da una vitalità tutta nuova. Il crollo della moneta argentina ha trasformato quella che era una fra le capitali più care del mondo in una destinazione di viaggio poco dispendiosa: una situazione che il turista potrebbe paragonare al periodo vissuto dalla città di Praga prima del grande decollo economico. Buenos Aires sta diventando, in brevissimo tempo, una meta sempre più ambita, e se ne comincia a parlare, quindi è consigliabile approfittarne: è il momento ideale per partire.

Tango a Buenos AiresAssaporare la vita di Buenos Aires può significare mille cose diverse. Contemplare i passi scattanti e sensuali dei ballerini di tango in una fumosa milonga (locale da ballo). Assistere a una partita di fútbol (calcio) nel classico derby Boca contro River, insieme a migliaia di tifosi indiavolati. Gustare tenere, succulente e generose bistecche per pochi dollari. Passeggiare per II centro e ammirare gli splendidi palazzi ispirati all’architettura europea, che rievocano l’immagine di Londra o Parigi. Concedersi una sosta in un caffè d’epoca e poi lasciarsi nuovamente coinvolgere dal vortice pedonale di Florida che pulsa più che mai al ritmo del XXI secolo.

Buenos Aires - Puerto MaderoLa personalità unica e tutta argentina di Buenos Aires unisce perfettamente la sua antica e amabile indolenza con il vitale dinamismo della modernità. Questa città, raffinata e per certi versi spigolosa, incanta i viaggiatori intrepidi alla ricerca di mete nuove ma anche curiosamente familiari.

Venite a Buenos Aires: dopo averla conosciuta, amerete anche voi questa città.

Palau, le isole alla fine dell’arcobaleno

PalauPalauSono trecento isolotti tondeggianti, scavati alla base dall’erosione e coperti da una vegetazione fittissima. Cime emergenti di una foresta sottomarina, sembrano galleggiare come enormi funghi verdissimi nella laguna color smeraldo. Sono le Rock Islands, i giardini galleggianti di Palau, una delle meraviglie del Pacifico, che i locali hanno ribattezzato Rainbow’s End, la fine dell’arcobaleno.

Diving a PalauCiascun isolotto è circondato dalla propria formazione corallina mentre un reef poderoso di oltre cento chilometri chiude a ovest le isole fra Kossol e Peleliu. Sott’acqua i fondali sono ricchissimi: 700 diverse specie di corallo e anemoni di mare, 1500 diverse specie di pesci e poi mante, squali, enormi tartarughe, rari dugonghi, tridacne gigantesche che pesano fino a cinquecento chili, un centinaio di relitti di guerra incrostati di madrepore, blue-hole, grotte, muri che scendono per migliaia di metri nel blu ne fanno un paradiso sommerso in technicolor.

Non occorre essere sub esperti per godersi lo spettacolo: anche in 3-4 metri d’acqua, con maschera e pinne, si nuota in una fantasia di coralli e pesci come al cinema.

ILa giungla di Babeldaobn contrasto con gli idilliaci scenari marini, l’interno di Babeldaob, l’isola più grande di Palau, è una giungla impenetrabile e primordiale, popolata di scimmie e di pappagalli, con fiumi, laghi e paludi infestati da coccodrilli.

Palau ha lo charme di un Pacifico remoto e poco turistico, con una popolazione timida, tranquilla e indifferente, che dimentica affanni e cerca stimoli masticando noci di betel. Non esiste esercito, solo una manciata di poliziotti, più che sufficienti a mantenere l’ordine.