Nuova Caledonia, la Francia nel Pacifico

NouméaSe vi piace l’idea che il vostro viaggio nel Pacifico abbia un tocco francese, non c’è luogo migliore della Nuova Caledonia, dove la tradizione melanesiana si fonde con la raffinatezza del paese d’Oltralpe.

Questa mescolanza di eleganza e semplicità, di stile très français e atmosfera tipica del Pacifico, si manifesta con un brio senza pari a Nouméa, la cosmopolita capitale, dove abbonda ogni genere di ristorante, da quelli più esclusivi alle modeste roulotte, e c’è una vasta scelta di negozi, dalle pittoresche botteghe di Chinatown alle boutique alla moda, costose e climatizzate, di rue de Sébastopol.

Grande TerreLasciata la capitale, il paesaggio urbano cede il passo a un panorama mutevole: le pianure ondulate della brousse (boscaglia) si alternano a lussureggianti valli fluviali, montagne scoscese solcate da alte cascate, fresche foreste pluviali e litorali selvaggi.
Isola dei PiniA sud-est di Grande Terre, l’isola principale, si distende la romantica Île des Pins, con i suoi pini slanciati, le spiagge di sabbia bianca e la laguna verde smeraldo.

 

Isole della Lealtà

A est ci sono le placide Isole della Lealtà (fra cui Maré, Lifou e Ouvéa), intrise di cultura kanak e caratterizzate da un ritmo di vita pacato e tranquillo.

Barriera corallina

La Nuova Caledonia è circondata dalla più grande laguna chiusa del mondo, dove tesori marini di ogni genere attendono soltanto di essere scoperti: canyon e grotte, splendidi coralli, pesci tropicali fra i più piccoli al mondo, tartarughe, serpenti marini e squali.

Altre delizie che la Nuova Caledonia ha in serbo per i visitatori sono la possibilità di osservare delfini e balene o il semplice lusso del totale relax sulla sabbia calda e confortevole di un’isola deserta.

Le Cascate di Iguazú (Argentina/Brasile)

Cascate di IguazúLe Cascate di Iguazú (Iguaçu in portoghese) costituiscono uno spettacolo così straordinario da riuscire a sorprendere anche i visitatori che nel corso dei loro viaggi hanno ammirato cascate imponenti come le Cascate Victoria o le Cascate del Niagara. La potenza, le dimensioni e il rumore delle cascate del Rio Iguazú sono veramente eccezionali.

Cascate di IguazúLe Cataratas del Iguazú scrosciano tra Brasile e Argentina all’interno di un parco nazionale di 2100 kmq formato da una foresta pluviale pullulante di flora e fauna davvero uniche, che comprendono migliaia di specie di insetti, centinaia di varietà di uccelli e una moltitudine di mammiferi e rettili.

Le cascate si raggiungono facilmente da entrambi i lati del confine argentino-brasiliano e anche dal vicino Paraguay. Le località di Puerto Iguazú, in Argentina, e di Foz do Iguaçu, in Brasile, sono i punti di accesso principali alle cascate e le località dove si trovano la maggioranza degli hotel.

Cascate di IguazúCi sono pareri discordanti su quale lato -brasiliano o argentino- offra le vedute migliori delle cascate.

Bisognerebbe ammirarle da entrambi, e se possibile visitarle nelle giornate limpide. Lo spettacolo è molto diverso se visto in una giornata con il cielo sereno o ricoperto di nuvole, per esempio quando non c’è il sole non si vedranno brillare l’arcobaleno e le ali delle farfalle che emergono dal fondo delle cascate. In teoria bisognerebbe fermarsi in zona per un paio di giorni in modo da beneficiare delle condizioni ottimali per osservare le cascate.

Cascate di IguazúSebbene il lato argentino con i suoi numerosi sentieri e due corse in barca gratuite offra molte opportunità per vedere da vicino le cascate in modo autonomo, quello brasiliano regala vedute più panoramiche, permettendo ai visitatori di farsi un’idea migliore dell’immensità complessiva del salto d’acqua. Inoltre la parte brasiliana offre una veduta estremamente ravvicinata da una passerella in fondo alle cascate che è imperdibile.

Cascate di IguazúUna proposta accattivante sono le visite guidate al chiaro di luna nella parte argentina delle cascate.

Kruger National Park (Sudafrica)

Kruger National ParkIl Kruger, casa dei Big Five (leone, elefante, leopardo, rinoceronte e bufalo), è uno dei simboli del Sudafrica, quasi quanto il compianto Nelson Mandela e gli Springbok, e per molti visitatori rappresenta la principale attrazione faunistica del paese.

Kruger National ParkNon c’è da stupirsene, del resto: in una superficie pari a quella del Galles vivono abbastanza elefanti da riempire una metropoli, mentre le giraffe mordicchiano gli alberi di acacia, gli ippopotami sguazzano nei fiumi, i leopardi vagano in cerca di una preda nella notte e innumerevoli uccelli cantano, volano e sonnecchiano.

Kruger National ParkIl Kruger è una delle aree protette più famose del mondo grazie alle sue dimensioni, alla sua storia, alla varietà delle specie animali che ospita e alla facilità di accesso.

È un luogo in cui si svolge quotidianamente il dramma della vita e della morte e dove i turisti hanno praticamente la certezza di poter ammirare spettacoli straordinari.

Kruger National ParkUn mattino può capitare di assistere al banchetto di un branco di leoni, quello dopo di vedere un impala appena nato che tenta di muovere i primi passi.

Il Kruger è anche il parco più visitato del Sudafrica, con oltre un milione di presenze ogni anno e un’ampia rete di strade asfaltate e confortevoli campi in cui alloggiare.

Kruger National ParkChi invece preferisce un’esperienza più avventurosa troverà comunque strade accessibili solo ai fuoristrada e sentieri escursionistici. Ma, anche scegliendo di rimanere sull’asfalto, si riescono a percepire i suoni e i profumi del bush. Ed evitando i weekend e le vacanze scolastiche, oppure dirigendosi a nord lungo le strade di ghiaia, può capitare di guidare per un’ora o anche più senza incrociare altri veicoli.

Kruger National ParkLa parte meridionale del Kruger è la più visitata, in quanto offre la maggiore concentrazione di animali ed è più accessibile.

Più a nord la vegetazione è costituita soprattutto dal mopane, il cibo preferito dagli elefanti, che sono molto numerosi in questa zona soprattutto nei dintorni di Letaba.

Kruger National ParkNell’estremo nord, attorno a Punda Maria e Pafuri, la densità di animali è minore, ma il paesaggio del bush e l’atmosfera selvaggia sono estremamente affascinanti.

Yellowstone National Park (Stati Uniti)

Yellowstone National ParkI geyser e i grandi mammiferi sono le principali attrattive dello Yellowstone, primo parco nazionale istituito negli Stati Uniti e fiore all’occhiello del Wyoming.

Yellowstone National ParkDai grandi grizzly irsuti agli alci giganti, questo parco vanta la presenza della più ricca ed eterogenea concentrazione di fauna degli Stati Uniti continentali nonché la metà di tutti i geyser esistenti al mondo.

Se a ciò si aggiunge la miriade di laghi alpini, di fiumi e di cascate disseminati nel territorio del parco, ci si rende conto di come Yellowstone sia una delle più straordinarie opere della natura.

Yellowstone National ParkQuesta cornucopia di bellezze naturali d’estate richiama fino a 30.000 visitatori al giorno, per un totale di 3 milioni all’anno.

Stare comodamente seduti nel portico dell’Old Faithful Lodge con una bibita in una mano e un libro nell’altra in attesa che il geyser dia spettacolo potrebbe essere considerata un’attività a tutti gli effetti. Ma se da un lato questo tipo di “sport” è ritenuto perfettamente accettabile – e in realtà anche incoraggiato – in questo favoloso parco nazionale sarebbe meglio dedicare il proprio tempo anche ad altre attività.

Lo Yellowstone è suddiviso in 5 REGIONI che rappresentano i cinque ecosistemi presenti all’interno del parco.

Old Faithful1) GEYSER COUNTRY è il settore più ricco di fenomeni geotermici: nell’Upper Geyser Basin si concentrano 180 dei 200-250 geyser del parco.

Di questi, il più famoso è l’Old Faithful che a intervalli regolari di circa un’ora e mezzo emette un getto d’acqua da 14.000 a 32.000 litri che raggiunge un’altezza compresa tra i 30 e i 60 m. I fiumi Firehole e Madison offrono splendide opportunità per la pesca e per l’avvistamento di animali selvatici.

Mammoth Hot Springs2) Nota per le foreste fossili e le aree geotermiche di Mammoth Hot Springs e Norris Geyser Basin, la regione di MAMMOTH COUNTRY è una delle zone geotermiche più antiche del Nord America, attiva senza soluzione di continuità da ben 115.000 anni. Le vette della Gallatin Range si ergono a nord-ovest dominando i laghi, i torrenti e i numerosi percorsi escursionistici della zona.
 

Lamar River Valley3) Le foreste fossili, la maestosa Lamar River Valley e gli affluenti del fiume che pullulano di trote, le Tower Falls e le vette frastagliate delle Absaroka Mountains sono le maggiori attrattive di ROOSEVELT COUNTRY, la regione più remota, scenografica e meno sviluppata del parco. Diverse belle passeggiate iniziano nelle vicinanze di Tower Junction.

Grand Canyon di Yellowstone4) Una serie di punti panoramici e una rete di sentieri che percorrono il margine del Grand Canyon di Yellowstone sottolineano la straordinaria bellezza di CANYON COUNTRY. South Rim Drive porta ad Artist Point, il punto panoramico più spettacolare del canyon, mentre la zona intorno a Mud Volcano è la principale area geotermica di Canyon Country. Tra i sentieri che meritano di essere presi in considerazione il Seven Mile Hole Trail, che scende nel canyon dal margine settentrionale per poi risalire le pendici del Mt Washburn (3072 m).

Yellowstone Lake5) Yellowstone Lake, la principale attrattiva di LAKE COUNTRY nonché uno dei laghi alpini più grandi del mondo, ospita anche la colonia più numerosa di coregoni. A est e a sud-est dei laghi si ergono le vette imponenti e spesso incappucciate di neve delle Absaroka Mountains.